PAROLE PER QUELLA PARTE BAMBINA CHE VIVE IN TE

LETTERA DI UNA MADRE A SUA FIGLIA


“Mia amata bambina,
per favore perdonami.

Mi dispiace per tutte le volte in cui ti ho trattata male, per averti sgridata quando non ce n’era bisogno, solo perché ero nervosa e non sapevo con chi prendermela.
Mi dispiace per averti criticata tanto, per averti fatta sentire inadeguata, per averti fatta vergognare di te stessa, quando ero io a sentirmi sbagliata, ma era più facile accusare te.
Mi dispiace per le volte in cui non ti ho difesa, ma mi sono preoccupata di più di ciò che pensavano gli altri, ho sempre temuto tanto il giudizio delle altre persone.

Scusami per le volte in cui ti ho rifiutata, in cui ti ho allontanata, in cui non mi sono curata di te anche se ti vedevo triste, anche se ti vedevo giocare da sola in un angolo. Ho sempre avuto così tanto da fare, tu mi sembravi forte, mi sembrava che potessi cavartela da sola, ma ora so che non era così.
Scusami se non c’ero quando avevi paura, quando ti sentivi sola, quando avevi bisogno di me.
Scusami se ti ho buttato addosso i miei problemi, le mie preoccupazioni, i miei tormenti, ma non c’era nessun altro ad ascoltarmi.

Mi dispiace se tante volte ho incolpato te delle mie difficoltà, dei miei problemi, del mio malessere, non riuscivo a guardare in me stessa e tu che piangevi o mi chiedevi attenzione, diventavi ogni volta la scusa per essere arrabbiata.

Perdonami piccola mia, non l’ho fatto perché non ti amo, non l’ho fatto perché non ti accetto.
L’ho fatto perché ho sempre avuto tanto dolore dentro.
L’ho fatto perché non ero in grado di fare di più.
L’ho fatto perché così hanno fatto con me e non sapevo come essere diversa.

Oggi mi detesti, non mi parli come si parla ad una madre, mi guardi con odio ed io mi sento morire dentro. Non è quello che avrei voluto per te, per me, per noi. Non sono la madre che sognavo di essere.

Ho spesso detestato anch’io mia madre, ogni volta che mi feriva giuravo a me stessa che se avessi avuto una figlia, mai mi sarei comportata come lei, mai le avrei fatto gli stessi torti. Ed invece, tutto quel male che mi è stato buttato addosso, io l’ho buttato addosso a te. Perdonami, non me ne rendevo conto, sapevo solo che soffrivo e cercavo qualcuno su cui gettare quel dolore per prendere un po’ di respiro e c’eri tu, pronta a raccoglierlo, pronta a prenderlo su di te, pronta a cercare di consolarmi, di farmi forza.

Lo so che hai sempre cercato di fare la brava bambina, che hai fatto di tutto per non chiedere niente, per non disturbare, per non darmi preoccupazioni. Ma non era mai sufficiente vero? Non eri mai abbastanza brava per me, non eri mai abbastanza precisa, mai abbastanza diligente, mai abbastanza perfetta.
Non era vero bambina mia, rivedevo in te la mia inadeguatezza, la mia incapacità, i miei limiti, ma non erano tuoi. Non hai mai fatto nulla per meritare il modo in cui ti ho spesso trattata, non è mai stata colpa tua. Perdonami, mi dispiace.

Lo so che forse adesso le parole valgono poco, lo so che il dolore non si cancella semplicemente chiedendo scusa, ma solo ora mi rendo conto, è come se mi fossi risvegliata da un lungo sonno e adesso per la prima volta ti vedo. Vedo i segni della sofferenza sul tuo volto mentre mi guardi, vedo che non ti fidi di me, che mi temi, che ancora ti aspetti di essere punita o sgridata o criticata senza ragione.
Come ho potuto creare tutto questo, come ho potuto farlo a te, che sei il mio bene più prezioso?
Mi vergogno di me stessa, ripenso alla bambina che ero, a quanto ho sofferto ed ora mi rivedo in te si, ma nella distruzione che ho creato, per la mia ignoranza, per la mia incapacità di guardare dentro di me, di affrontare il mio dolore, il mio senso di inadeguatezza.

Perdonami se puoi, hai ancora una vita davanti per rimediare ai danni che ti ho fatto, per diventare la donna che io avrei voluto essere e che non sono diventata. Ma tu puoi.

Nessuno nella mia vita mi ha mai chiesto scusa, nessuno mi ha mai riconosciuto i torti che ho subito, nessuno mi ha mai riconosciuto il mio valore, forse per questo sono diventata così dura, così arida e non lo dico per trovare delle scuse. Non sono stata una buona madre, una madre non si comporta come me, una madre deve trovare la forza di cambiare se stessa per amore dei propri figli, per proteggerli contro il mondo e non costringerli invece a proteggersi contro di lei.
Io quella forza fino ad oggi non l’ho trovata, ho sbagliato tanto, me ne vergogno, ma oggi, oggi che per la prima volta comprendo profondamente i miei passi, voglio almeno per un istante essere quella madre di cui poter andare fiera, essere quella madre che non sono mai stata, quella madre che non ho mai avuto. E cerco di esserlo scrivendoti queste parole:

Io ti amo moltissimo, sei il dono più bello che la vita potesse farmi, sei perfetta così come sei, non hai mai avuto nulla che non andasse, non sei mai stata sbagliata, non mi sono mai vergognata di te.
Sono orgogliosa di te, di essere tua madre, sei meravigliosa, sei unica e speciale. Devi essere fiera di te stessa e non temere mai di esprimere ciò che pensi e ciò che provi, non temere mai di mostrare al mondo chi sei veramente perché il mondo non ha bisogno di altre come me, è di te che ha bisogno.

Perdonami amore mio, se non sono stata capace di essere la madre che ti meritavi, ma sappi che ho fatto comunque del mio meglio, anche se non è stato abbastanza.

Ricordati, ogni volta in cui ti sentirai inadeguata, in cui ti sentirai non accettata o rifiutata, in cui ti sentirai sbagliata, che quella non è la verità, tu non sei così e non lo sei mai stata, è mia la colpa di queste tue fragilità, sono io che ti ho riempito di bugie per farti somigliare di più a me. In fondo così ti sentivo più mia.

Mi dispiace mio angelo, non avercela mai con te stessa perché non sei riuscita ad essere come volevo io, non ne valeva la pena, non avrei saputo apprezzarti comunque, come non apprezzo me stessa. Ma ora ti vedo e apprezzo te, per ciò che sei nonostante me.

Non ti posso promettere che sarò perfetta d’ora in poi, non ne sono capace, ma posso giurarti che mai più ti calpesterò, che mai più ti denigrerò, che mai più butterò su di te la mia spazzatura.
Se puoi perdonami e sempre se puoi, non odiarmi, guardami nella mia fragilità e prova pena per me, forse un giorno proverai di nuovo amore.
Ti amo moltissimo,
la tua mamma.”

Forse queste parole ti hanno toccata, ecco, queste sono le parole che la tua parte bambina ha bisogno di sentirsi dire.
Queste sono le parole che da tutta la vita aspetta di sentire.
Rileggile. Rileggile ogni volta che senti il dolore nascere in te, ogni volta che provi rabbia, ogni volta che la tua vita si blocca.
Per la tua parte bambina il genitore sei tu.
Se nessuno fino ad oggi è stato in grado di parlarti dal cuore, lo puoi fare tu, oggi, per te stessa. Puoi sanare le tue ferite, con le parole che vuoi, non serve che siano le mie, ma se ciò che hai letto ha risuonato in te, non attendere oltre, è tutta la vita che aspetti di trovare finalmente la pace.


E l’amore.




Tratto dal mio libro "RICORDATI CHI SEI ANIMA ANTICA - come onda che ritorna al mare" (per info clicca qui)





Se ti serve un supporto per comprendere la LEGGE di ATTRAZIONE e come funziona e per ricordare e Realizzare il Sogno della tua anima, clicca QUI: the DREAM coaching


I MIEI LIBRI
RICORDATI CHI SEI ANIMA ANTICA - come onda che ritorna al mare di Georgia Briata
Questa è la storia del viaggio umano che l’Anima antica fa di vita in vita per ricordarsi di Sé. Madre Terra si sta Risvegliando e noi con lei ed è di questo tempo in cui viviamo che il libro parla, del tempo del compimento, ma racconta di mutamenti interiori comuni alle anime risvegliate di tutti i tempi. Questo libro è per te Anima antica, per il coraggio di essere tornata.
Clicca qui e vai alla scheda del libro per acquistarlo o saperne di più.


IL GUSTO DELL'ANIMA - Diario di viaggio e di un sogno di Georgia Briata
Questa è la storia del Risveglio di un'Anima, la mia. Lo scoprire che la vita che facevo non mi apparteneva, i turbamenti, il cercare di comprendere lo scopo della mia esistenza e chi sono veramente. Fino ad arrivare, finalmente, a Realizzare il vero Sogno della mia Anima. Spero che le mie parole siano di conforto quando la fiducia vacilla.
CLICCA qui e vai alla scheda del libro per acquistarlo o saperne di più


BASTA IL MARE di Georgia Briata
sensi di colpa e la vergogna che impariamo da bambini ci fanno dimenticare i nostri sogni e il nostro valore. Le parole di questa favola per adulti vogliono aiutarti a ritrovare la strada per la felicità, per l'innocenza e per la libertà di essere te stesso. Ed ancora di più vogliono aiutarti a sognare di nuovo.

Anche in CARTACEO!!!! 
Per acquistarli vai ai link sopra indicati e clicca su COMPRA STAMPA, oppure su www.amazon.it
NOTA: Se non puoi utilizzare internet per effettuare l'acquisto, chiedi alla tua libreria, può reperire i miei libri per te.

Se SEI UNA LIBRERIA e desideri vendere i miei libri nel tuo negozio clicca QUI


Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

Nessun commento:

Posta un commento